31 anni fa: il 12 settembre 1981 muore a Milano il poeta, giornalista e critico musicale italiano Eugenio Montale, premio Nobel per la letteratura nel 1975

Nato a Genova nel 1896, Montale trascorre la giovinezza tra la città natale e Monterosso, paese presso La Spezia, dove la famiglia possiede una casa per le vacanze. Interrotti gli studi tecnici, si dedica al canto e alla musica, finché non viene arruolato per partecipare alla prima guerra mondiale. Al rientro a Genova frequenta gli ambienti letterari, nel 1922 pubblica la raccolta Accordi e nel 1925 la prima edizione di Ossi di seppia. Pochi mesi dopo prende posizione contro il fascismo, sottoscrivendo il Manifesto degli Intellettuali Antifascisti promosso da Benedetto Croce. Trasferitosi a Firenze nel 1927, diventa direttore del Gabinetto Scientifico Letterario Vieusseux, ma viene licenziato nel 1938 perché non iscritto al partito fascista. Nel 1939 esce la raccolta le Occasioni, nel 1956 La bufera. Nel dopoguerra lavora a Milano al “Corriere della sera”. Nel 1967 viene nominato senatore a vita e nel 1975 è insignito del premio Nobel. Le ultime raccolte sono Satura, Diario del ’71 e del ’72, Quaderno di quattro anni. Montale occupa un posto preminente nella cultura del ‘900, come testimone della crisi di un secolo e interprete originale, per sensibilità e scelte stilistiche, della condizione spirituale dell’uomo moderno. Muore a Milano nel 1981.

            HO SCESO, DANDOTI IL BRACCIO…

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.

Se vi piace la poesia e avete come Eugenio Montale una visione della vita priva di illusioni allora l’Antologia illustrata di Elvira Marinelli è il libro che fa per voi. Naturalmente potete trovarlo nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo, Letteratura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...