211 anni fa: il 26 febbraio 1802 nasce a Besançon il poeta, drammaturgo, saggista, scrittore, aforista, artista visivo, statista e attivista per i diritti umani francese Victor Hugo

Victor Hugo fotografato da Walery (1830-1890)

Victor Hugo fotografato da Walery (1830-1890)

LIBRO PRIMO

UN GIUSTO

I • MONSIGNOR MYRIEL

Nel 1815, era vescovo di Digne monsignor Charles François Bienvenu Myriel, un vecchio di circa settantacinque anni, che occupava quel seggio dal 1806.

Sebbene questo particolare abbia poco a che fare con ciò che racconteremo, non sarà forse inutile, sia pure solo per essere del tutto precisi, accennare qui alle voci ed ai discorsi che correvano sul suo conto, nel momento in cui era arrivato nella diocesi. Vero o falso che sia, quel che si dice degli uomini occupa spesso altrettanto posto nella loro vita, e soprattutto nel loro destino, quanto quello che fanno. Monsignor Myriel era figlio d’un consigliere del parlamento d’Aix: nobiltà di toga, dunque. Si raccontava di lui che suo padre, nell’intenzione di fargli ereditare la propria carica, gli aveva dato moglie prestissimo, secondo una consuetudine abbastanza diffusa tra le famiglie dei membri del parlamento. Malgrado quel matrimonio, si diceva, Charles Myriel aveva fatto molto parlare di sé. Ben fatto nella persona, sebbene di statura alquanto piccola, elegante, simpatico e intelligente, aveva speso tutta la prima parte della sua vita e nel bel mondo e negli intrighi amorosi. Sopravvenne la rivoluzione e gli avvenimenti precipitarono; le famiglie dei membri del parlamento, decimate, scacciate e perseguitate, si dispersero, e Charles Myriel, fin dai primi giorni della rivoluzione, emigrò in Italia, dove gli morì la moglie, d’una malattia di petto, contratta molto tempo prima. Non avevano figli. Cos’accadde, poi, nel destino di monsignor Myriel? Furono forse il crollo dell’antica società francese, la rovina della sua famiglia od i tragici spettacoli del ’93, ancor più spaventosi per gli emigrati, che li vedevan da lontano, ingranditi dallo sgomento, a far germogliare in lui le idee di rinuncia e di solitudine? Fu colpito all’improvviso, nel bel mezzo d’una di quelle distrazioni e di quegli affetti che occupavano la sua vita, da uno di quei colpi misteriosi e terribili che giungono talvolta al cuore, uomo che le catastrofi pubbliche non avrebbero prostrato, pur infierendo sulla sua esistenza e sulla sua fortuna? Nessuno avrebbe potuto dirlo; tutto quello che si sapeva era che, al suo ritorno dall’Italia, era prete.

Nel 1804, monsignor Myriel era curato di Brignolles. Era già vecchio e viveva in una profonda solitudine.

Verso l’epoca dell’incoronazione, un affaruccio della sua parrocchia, non si sa più bene quale, lo condusse a Parigi, dove, fra le altre persone potenti, andò a sollecitare, per i suoi parrocchiani, monsignore il cardinale Fesch. Un giorno in cui l’imperatore era venuto a far visita a suo zio, il degno curato, che aspettava in anticamera, si trovò sul passaggio di sua maestà; Napoleone, vistosi guardato con una certa curiosità da quel vecchio, si voltò e disse bruscamente:

«Chi è quel dabben uomo che mi guarda?»

«Sire» disse monsignor Myriel «voi guardate un uomo dabbene, ed io guardo un grand’uomo. Ognuno di noi può trarne profitto.»

Quella stessa sera, l’imperatore chiese al cardinale il nome di quel curato e poco tempo dopo monsignor Myriel fu tutto sorpreso di venir a sapere ch’era stato nominato vescovo di Digne.

Del resto che cosa c’era di vero nei racconti che si facevano sulla prima parte della vita di monsignor Myriel? Nessuno lo sapeva, e ben poche famiglie avevano conosciuto i Myriel prima della rivoluzione.

Monsignor Myriel dovette subire la sorte di tutti coloro che giungono per la prima volta in una cittadina dove ci son molte bocche che parlano e pochissime teste che pensano; dovette subirla, sebbene fosse vescovo e appunto perché vescovo. Ma, dopo tutto, le dicerie alle quali si mescolava il suo nome forse non erano che dicerie; rumore, parole, discorsi; meno che discorsi, erano palabres, come dice l’energica lingua del mezzogiorno.

Comunque, dopo nove anni d’episcopato e di residenza a Digne, tutte queste ciarle, argomento di conversazione, sulle prime, di città piccole e di piccole menti, erano cadute in un profondo oblio. Nessuno avrebbe osato parlarne e nemmeno ricordarsene.

Monsignor Myriel era giunto a Digne accompagnato da una vecchia zitella, la signorina Baptistine, ch’era sua sorella ed aveva dieci anni meno di lui. Tutta la loro servitù si componeva d’una domestica della stessa età della signorina Baptistine che si chiamava la signora Magloire e che, serva del signor curato, riuniva ora il doppio ufficio di cameriera della signorina e di guardarobiera di monsignore.

La signorina Baptistine, lunga, pallida, smilza e dolce, traduceva in realtà l’ideale di ciò che esprime la parola «rispettabile» (poiché sembra necessario che una donna sia madre, per essere venerabile). Non era mai stata avvenente; ma tutta la sua vita non era stata che un succedersi d’opere sante, e aveva finito per imprimere su di lei una sorta di candore e di luminosità; invecchiando, ella aveva acquisito quella che si potrebbe chiamare la bellezza della bontà. Ciò che nella gioventù era stata magrezza, era divenuta trasparenza, nella maturità; e quella diafanità lasciava scorgere l’angelo. Era un’anima ancor più che una vergine. La sua persona sembrava fatta d’ombra; v’era a stento quel tanto di corpo che occorreva perché vi fosse un sesso, un po’ di materia che conteneva un barlume di luce, un paio d’occhiali sempre bassi: il pretesto di un’anima per restar sulla terra.

La signora Magloire era una vecchietta bianca, grassa, rotondetta e sempre ansimante, prima, per la sua attività, e poi per l’asma.

Al suo arrivo, monsignor Myriel venne allogato nel palazzo episcopale cogli onori voluti dai decreti imperiali, che pongono il vescovo immediatamente dopo il maresciallo di campo. Il sindaco e il presidente gli fecero visita per primi ed egli, da parte sua, fece la prima visita al generale ed al prefetto. Terminato l’insediamento, la città attese il suo vescovo all’opera.

Quello che avete letto è il primo capitolo del romanzo di Victor Hugo I miserabili. Pubblicato nel 1862 e considerato uno dei romanzi cardine del XIX secolo europeo è fra i più popolari e letti della sua epoca. Narra le vicende di vari personaggi nella Parigi post Restaurazione, in un arco di tempo di circa 20 anni (dal 1815 al 1833, con alcune digressioni alle vicende della Rivoluzione francese, delle Guerre napoleoniche, con particolare riguardo alla battaglia di Waterloo, e alle vicende politiche della Monarchia di Luglio). I suoi personaggi appartengono agli strati più bassi della società, i cosiddetti “miserabili”: persone cadute in miseria, ex forzati, prostitute, monelli di strada, studenti in povertà. È una storia di cadute e di risalite, di peccati e di redenzione. Hugo racconta a 360° i suoi personaggi e aggiunge al racconto capitoli di grande rilevanza storica (come ad esempio la battaglia di Waterloo, la struttura della città di Parigi, la visione sul clero e i monasteri dell’epoca, le opinioni sulla società e i suoi mali, il quadro della Francia post-restaurazione) che permettono al lettore di collocare i personaggi in un determinato contesto storico-sociale.
Se volete continuare a leggerlo potete trovarlo nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 19° secolo, Letteratura e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...