147 anni fa: il 25 febbraio 1966 nasce a Pescasseroli il filosofo, storico, politico, critico letterario e scrittore italiano Benedetto Croce

Benedetto CroceFilosofo, storico e critico italiano, Benedetto Croce (1866-1952) raccolse gli episodi più significativi della sua vita e della sua formazione intellettuale in Contributi alla critica di me stesso (1918). Figlio di un ricco possidente terriero, e cugino dei due Spaventa, giovanissimo si trasferì a Napoli, dove, nel 1876, entrò in collegio. Benché si dichiarasse soddisfatto dell’educazione ricevuta, senza dubbio si formarono qui, in questi anni, i presupposti del suo futuro anticlericalismo.
Dopo «brevi Propositi di vita devota», sopraggiunse una profonda crisi interiore, che in breve lo portò ad abbandonare definitivamente la religione. Nel terremoto di Casamicciola del 1883 perse i genitori e la sorella; ferito egli stesso, si trasferì a Roma in casa Spaventa. Iscrittosi alla facoltà di giurisprudenza, non diede mai esami, ma iniziò a frequentare assiduamente le lezioni di Antonio Labriola, che suscitarono in lui le prime approfondite riflessioni filosofiche. Sempre più dedito a una vasta erudizione, dopo brevi viaggi in Germania, Francia, Inghilterra, e Spagna, si dedicò alla lettura della Scienza Nuova di Vico, grazie alla quale incominciò a riflettere sui rapporti tra arte e scienza. Un saggio di Labriola sul manifesto del comunismo lo portarono a scrivere i cinque studi che costituiscono Materialismo storico ed economia marxista (1900), dove un iniziale entusiasmo per il socialismo lascia spazio a un’accurata posizione critica. La conoscenza di Giovanni Gentile rappresentò un grande stimolo per l’elaborazione delle proprie riflessioni filosofiche. Nel 1903 fondò «La Critica», rivista che, con assoluta dedizione, pubblicò quasi da solo per oltre 40 anni, e che fornì un nuovo orientamento all’intera cultura italiana. Anche Gentile vi collaborò per quasi un ventennio; insieme, inoltre, a partire dal 1906, i due diressero la collana di «Classici della filosofia moderna» dell’editore Laterza. Ma i rapporti incominciarono sempre più a raffreddarsi, fino a giungere alla completa rottura (1924), dapprima a causa delle evidenti divergenze filosofiche (Gentile insisteva sull’unità dello spirito, mentre Croce ribadiva la distinzione di quattro forme spirituali, respingendo ogni confusione dei distinti e la riduzione di ogni attività spirituale a filosofia); infine per ragioni politiche. Croce, nominato senatore nel 1910, fu ministro dell’istruzione (1920-1921), ma la caduta di Giolitti gli impedì la prevista attuazione delle riforme. Salito al potere il fascismo, gli venne offerto lo stesso incarico, ma i suoi principi liberali gli fecero rifiutare la nomina. Con il nuovo regime Croce non scese a compromessi, né mai nascose la sua opposizione, tuttavia, non ebbe mai a subire persecuzioni personali o restrizioni intellettuali. Dopo la guerra riprese l’attività politica come presidente del Partito liberale, ministro senza portafoglio, e membro della costituente.
Inizialmente, Croce si accostò a Hegel attraverso l’interpretazione materialistica datane da Marx. Vi si avvicinò direttamente quando già aveva dato una prima formulazione al proprio pensiero (Estetica, 1902). Alla dialettica classica degli opposti, che Croce certo non escluse, contrappose quella dei distinti, cioè delle quattro forme di attività spirituale (estetica, logica, economica, etica) che passano l’una nell’altra non per negazione, ma, al contrario, per implicazione. Lo spirito costituisce l’unica realtà, e l’hegeliana idea, che si esteriorizza per poi tornare su se stessa nello spirito, rappresenta per Croce un mito in cui «si riconoscono le sembianze del vecchio Dio». L’intuizione artistica è idealmente anteriore alla conoscenza concettuale, a ogni tipo di azione, e quindi è «pura». In letteratura, Croce lodò Carducci, e disprezzò l’irrazionalismo e il sensuale di Pascoli e D’Annunzio e il binomio arte-scienza del verismo. La vivacità del suo ingegno e la vastità delle sue conoscenze, unite al suo stile letterario, resero le sue opere celebri in tutto il mondo.

Se volete approfondire la biografia di Benedetto Croce potete farlo sfogliando il 19° volume de La Storia d’Italia – La crisi di fine secolo, l’età giolittiana e la prima guerra mondiale nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Benedetto CroceWikipedia: Benedetto Croce ( 25 February 1866 – 20 November 1952) was an Italian idealist philosopher, and occasionally also politician.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 19° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...