90 anni fa: il 16 febbraio 1923 Howard Carter, lo scopritore della tomba di Tutankhamon, toglie i sigilli alla camera funeraria del faraone

Howard Carter (Swaffham, 9 maggio 1874 – Londra, 2 marzo 1939) , Archeologo ed egittologo britannico, scopritore della tomba di Tutankhamon.

Howard Carter (Swaffham, 9 maggio 1874 – Londra, 2 marzo 1939) , Archeologo ed egittologo britannico, scopritore della tomba di Tutankhamon.

Alle ore 1,55 del 4 aprile 1923, tutte le luci del Cairo, la capitale dell’Egitto, si spensero. Nello stesso preciso momento, lord Carnarvon, un aristocratico inglese, morì di polmonite. Ma non era tutto. A quella stessa ora, a Londra, la cagnetta di Carnarvon cominciò a guaire, si rizzò sulle zampe posteriori e stramazzò morta. Carnarvon era stato il finanziatore di un di una delle più celebrate cacce al tesoro di tutti i tempi, la ricerca della tomba del faraone-fanciullo Tutankhamon. La sua morte diede inizio alla leggenda della maledizione dei faraoni.
Il mito vuole che la tomba fosse protetta da una maledizione fatale che sarebbe ricaduta su chiunque la violasse. Ma questo non fermò George Edward Stanhope Moyneux Herbert, quinto conte di Carnarvon, che si era recato in Egitto nella speranza che il clima asciutto alleviasse le sue difficoltà respiratorie.
Anche se Herbert non aveva studiato archeologia, era sufficientemente ricco per poter finanziare il lavoro di un giovane archeologo, Howard Carter, che per quindici anni avrebbe cercato di dissotterrare i resti del Dimenticato. Carter era al corrente che nella Valle dei re erano state rinvenute alcune testimonianze ben precise che sembravano ricollegare il nome di Tutankhamon a un particolare punto della valle.
Il 6 novembre 1922, Carter mandò un cablogramma a Carnarvon in Inghilterra: «Finalmente fatta splendida scoperta nella Valle … »; aveva trovato l’ingresso della tomba.
I lavori di scavo e di ripulitura dell’anticamera furono lunghi e laboriosi, e solamente il 17 febbraio 1923 fu fissata la cerimonia di apertura della tomba. Vi parteciparono una ventina di persone, ma lord Carnarvon non poté gioire a lungo della sua scoperta, poiché meno di due mesi dopo morì.
Prima della fine dell’anno, altre dodici persone del gruppo dei venti testimoni morirono. Ma anche altri sarebbero morti. George Jay Gould, figlio del finanziere Jay Gould e amico di Carnarvon, si recò in Egitto dopo la morte del suo amico per vedere il luogo coi suoi occhi. Morì di peste bubbonica nel giro di ventiquattro ore dopo la visita alla tomba.
Entro il 1929, altre sedici persone, che in un modo o nell’altro erano venute a contatto con la mummia, erano morte. Fra le vittime c’erano il radiologo Archibald Reed, che aveva preparato i resti di Tutankhamon per l’analisi radiologica, Evelyn White, archeologo, la moglie di lord Carnarvon e Richard Bethell, il suo segretario personale. Anche il padre di Bethell morì, suicida. E poi morirono Arthur C. Mace e A. L. Callender, assistenti di Carter; Douglas Derry, che sottopose ad analisi la mummia del re; Aaron Ember, egittologo; Bernard Pyne Greenfell, papirologo di Oxford e John G. Maxwell, amico ed esecutore testamentario di lord Carnarvon.
Tutti avevano ignorato l’ammonimento dei geroglifici scritti sul sigillo posto nell’ingresso: «La morte colpirà con le sue ali chiunque disturberà il sonno del faraone».

Se volete approfondire potete farlo sfogliando le pagine del libro di Massimo Polidoro Grandi misteri della storia – Da Atlantide al Titanic: un’indagine scientifica sui più celebri enigmi di tutti i tempi nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...