138 anni fa: il 4 febbraio 1875 nasce a Trento il patriota, giornalista, geografo, politico socialista e irredentista italiano Cesare Battisti

Cesare BattistiDamiano Chiesa, Cesare Battisti e Fabio Filzi: tre martiri irredentisti

Damiano Chiesa era figlio del segretario municipale di Rovereto, dove nacque nel 1894. Studiò ingegneria a Torino e Genova e rifiutò la chiamata alle armi nell’esercito austriaco.
Si arruolò volontario nel VI reggimento di artiglieria da fortezza dell’esercito italiano e combatté nella zona di Asiago; fu poi mandato in prima linea nelle montagne sopra Rovereto, ove risultò utile per le sue conoscenze balistiche e topografiche. Subì la violenta offensiva della Strafexpedition e venne subito catturato (16 maggio 1916). Riconosciuto, fu processato dal tribunale militare e condannato a morte per fucilazione. Divenne così il primo martire dell’irredentismo trentino. Due mesi dopo, sulle alture del monte Pasubio, furono catturati Cesare Battisti, la figura di maggior spicco del movimento irredentista , e Fabio Filzi.
Nato a Trento nel 1875 da una famiglia di commercianti, Battisti studiò a Graz e Vienna, e poi a Torino e Firenze, e fu un apprezzato geografo. Tra i fondatori del movimento socialista trentino, aderì alla politica delle nazionalità della socialdemocrazia austriaca. Fu deputato alla dieta tirolese di Innsbruck e al parlamento di Vienna, prima di espatriare e assumere un ruolo da protagonista nella campagna per l’intervento italiano. Instancabile agitatore, giornalista e pubblicista prolifico, all’atto dell’entrata in guerra dell’Italia si arruolò come volontario negli alpini e, insieme a Fabio Filzi, combatté sul Pasubio, nel Basso Trentino.
Fabio Filzi era originario di Pisino d’Istria, ove nacque nel 1884, ma presto si trasferì con la famiglia a Rovereto. Studiò a Vienna e a Graz dove si laureò in legge. Aderì presto all’irredentismo e lavorò nello studio dell’avvocato Piscel, roveretano, uno dei fondatori del socialismo trentino. Aderì alla chiamata alle armi nell’esercito austriaco, ma nel corso di una licenza scappò in Italia e si arruolò negli alpini. All’inizio dell’estate del 1916, i combattimenti sul Pasubio, baluardo montuoso che avrebbe consentito agli Austriaci, impegnati nella spedizione punitiva, di affacciarsi sulla pianura veneta, si inasprirono e portarono alla cattura di Battisti e Filzi. Trasferiti a Trento, furono processati dal tribunale militare e condannati a morte per impiccagione il 12 luglio 1916.

Se volete approfondire l’irredentismo italiano e la vita di Cesare Battisti potete farlo sfogliando il 19° volume de La Storia d’Italia – La crisi di fine secolo, l’età giolittiana e la prima guerra mondiale nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo, Prima Guerra Mondiale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...