370 anni fa: il 4 gennaio 1643 (secondo il calendario gregoriano) nasce a Woolsthorpe-by-Colsterworth il matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo ed alchimista inglese Isaac Newton

Isaac NewtonIsaac Newton (1642-1727) si laureò al Trinity College di Cambridge e in seguito si dedicò a studi sulla natura e la scomposizione della luce. Nel biennio 1665-1666 il nucleo di tutto il lavoro scientifico di Newton era già interamente costituito. Fu chiamato nel 1669 alla cattedra di matematica di Cambridge, e nel 1672 fu nominato socio della Royal Society, della quale sarebbe poi diventato presidente.
A Cambridge godette dell’amicizia del filosofo Henry More e del matematico Isaac Barrow, subendone profondamente l’influenza. Sempre al 1672 risale la memoria intitolata Nuova teoria della luce e dei colori, le cui novità rivoluzionarie scateneranno un’aspra polemica con i contemporanei.
Nel 1687 pubblicò i Philosophiae naturalis principia mathematica, opera che, costituendosi come fondamento della meccanica e della fisica classiche (teoria della gravitazione universale, leggi fondamentali della dinamica), avrebbe influenzato per due secoli il pensiero scientifico e lo sviluppo della scienza. La pubblicazione dei Principia andò incontro a varie traversie, poiché non si trovavano né un editore né un tipografo disposti a correre il rischio di stampare un lavoro economicamente incerto e scientificamente «strano» per un’epoca dominata interamente dalla fisica cartesiana. Nei Principia Newton connette sistematicamente, per la prima volta, la dinamica con l’astronomia. Il punto essenziale è che con la legge di gravitazione si dimostrano (e quindi si giustificano) le tre leggi di Keplero. Ma dal momento che l’estensione ai corpi celesti della legge dell’inverso del quadrato non poteva essere effettuata sulla base di esperimenti diretti, Newton preciserà che essa viene da lui trattata da un punto di vista matematico e non da quello filosofico (fisico).
I Principia occupano inoltre un posto di grandissimo rilievo nell’ambito della matematica perché contengono numerose applicazioni di quel nuovo potente strumento, il calcolo infinitesimale, di cui Newton è, insieme a Leibniz, lo scopritore. La disputa che oppose i due filosofi circa la paternità del calcolo infinitesimale fu inconsistente: di fatto, entrambi erano arrivati autonomamente al calcolo, anche se la questione della paternità sarebbe stata complicata e avvelenata da interferenze politiche. Con alterne vicende e coinvolgendo gli ambienti scientifici e non di mezza Europa, la polemica si chiuse nel 1713 con una faziosa presa di posizione della Royal Society a favore di Newton.
Nel 1704 vide infine la luce l’Ottica, che contiene l’esposizione di una grande quantità di esperimenti, che alle dimostrazioni e ai calcoli matematici preferisce l’adozione di un linguaggio piano e accessibile. Queste sono anche le ragioni per cui l’Ottica, contrariamente a quanto era avvenuto per i Principia, ebbe tanta fortuna presso gli sperimentatori, specialmente i chimici. Newton si dedicò per tutta la vita all’indagine religiosa con un impegno per nulla inferiore a quello riservato alla ricerca scientifica. Tale copiosa produzione, rimasta per la massima parte inedita, suscitò, fino a epoca recentissima, più sconcerto che ammirazione. Come ha osservato Maurizio Mamiani, bisogna riconoscere che esiste per esempio un profondo nesso tra la funzione delle regole elaborate da Newton nella sua peculiare ermeneutica biblica (in particolare dell’Apocalisse) e quella del metodo richiesto dalla scienza matematico­ sperimentale dei Principia. Esse hanno infatti il compito di garantire la verità del procedimento, e che si tratti di interpretare il linguaggio rivelato o il mondo nei suoi fenomeni non fa molta differenza giacché sia la Rivelazione sia la creazione del mondo discendono da Dio e dalla sua volontà. In ambito teologico, il linguaggio profetico deve essere compreso nella propria specificità di linguaggio figurato; così come, nei Principia, le regole ci consentono di stabilire quale sia la migliore di due interpretazioni dello stesso esperimento.

Se volete approfondire la vita e le scoperte di sir Isaac Newton potete farlo sfogliando il 9° volume de La Storia – Il Settecento: l’età dei lumi nella biblioteca dell’Antica

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 17° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...