213 anni fa: il 9 novembre 1799 Napoleone Bonaparte guida il colpo di Stato del 18 brumaio ponendo fine al governo del Direttorio e diventando uno dei tre Consoli (Governo del Consolato)

Il generale Bonaparte al Consiglio dei Cinquecento, a Saint Cloud (particolare), di François Bouchot, Versailles.

L’esercito si è unito a me e io mi sono unito al Corpo legislativo. «Che cosa avete fatto di questa Francia, che vi avevo lasciato in pieno splendore? Vi ho lasciato la pace e ho ritrovato la guerra! Vi ho lasciato delle vittorie e ho ritrovato dei rovesci! Vi ho lasciato dei milioni e ho ritrovato la miseria! Questo stato di cose non può durare.
«Cittadini rappresentanti, la Repubblica era sul punto di perire, come avete potuto constatare, e il vostro decreto viene a salvarla. Guai a coloro che volessero la rivolta e i disordini! Io li fermerò, con l’aiuto di tutti i miei compagni d’arme. La vostra saggezza ha emesso questo decreto, le nostre braccia sapranno mandarlo ad effetto. Noi vogliamo una Repubblica fondata sulla vera libertà, sulla libertà civile, sulla rappresentanza nazionale, e l’avremo! … Lo giuro!»
[All’esercito] Soldati, il decreto straordinario del Consiglio degli Anziani mi ha affidato il comando della città e dell’esercito. Da due anni la Repubblica è mal governata. Voi avete sperato che il mio ritorno mettesse fine a tanti mali; l’avete celebrato con un’unione che m’impone obblighi che assolvo; voi assolverete i vostri e asseconderete il vostro generale con l’energia, la fermezza e la fiducia che ho sempre avuto in voi.
La libertà, la vittoria e la pace ridaranno alla Repubblica francese il rango che occupava in Europa, e che solo l’inettitudine, o il tradimento, hanno potuto farle perdere. Viva la Repubblica!
Alla sera. Abbiamo appena conquistato la pace: questo bisogna annunciare in tutti i teatri, su tutti i giornali; questo bisogna ripetere in prosa, in versi e addirittura nelle canzoni.
Oggi non è andata poi così male, vedremo domani.

Quello che avete appena letto è il brano riguardante il 18 brumaio tratto dall’Autobiografia di Napoleone Bonaparte, il libro scritto nel 1930 da André Malraux che si colloca a metà strada fra il romanzo e il documento storico. L’imperatore non ha infatti mai scritto un libro simile: è Malraux che raccogliendo, con ammirevole pazienza, la documentazione scritta in varie occasioni dal personaggio storico, ne elabora una esaltante biografia, che consente di leggere, con uno stile asciutto e incalzante, i proclami, i discorsi, i bollettini, le memorie redatti dal grande Còrso nelle situazioni più disparate. Se volete approfondire potete trovare il volume nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 18° secolo, Epoca napoleonica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...