69 anni fa: l’8 settembre 1943, con il Proclama Badoglio, che fa seguito a quello del generale Dwight D. Eisenhower lanciato da Radio Algeri un’ora prima, viene reso pubblico l’armistizio di Cassibile firmato per l’Italia il 3 settembre dal generale Giuseppe Castellano a nome del Presidente del Consiglio maresciallo d’Italia Pietro Badoglio fedele al re Vittorio Emanuele III. Brindisi diviene sede del governo e quindi capitale del Regno d’Italia.

I tentativi italiani d’ottenere che l’annuncio dell’armistizio fosse rinviato vennero respinti con durezza dagli Alleati. A Badoglio non restò che fare la sua parte. Era stato ordinato a Carboni di predisporre un microfono collegato con l’Eiar, ma Carboni s’era dimenticato, o aveva omesso, di eseguire. Il maresciallo si avviò pertanto in automobile verso la sede della Radio. Era in abito grigio, con cappello floscio. Verso le 19,30 entrò nell’auditorio O, dove era stato convocato lo speaker Giovan Battista Arista. Furono messe in onda marce militari e canzonette mentre avveniva la registrazione. Con voce neutra Arista presentò il maresciallo, la cui voce abbastanza ferma lesse finalmente il testo concordato: “Il governo italiano, riconosciuta l’impossibilità di continuare l’impari lotta contro la schiacciante potenza avversaria, nell’intento di risparmiare ulteriori e più gravi danni alla nazione, ha chiesto l’armistizio al generale Eisenhower… La richiesta è stata accolta. Conseguentemente ogni atto di ostilità contro le forze anglo-americane deve cessare da parte delle forze italiane in ogni luogo. Esse però reagiranno ad eventuali attacchi da qualsiasi altra provenienza”. Erano le 19,45. L’Italia s’illuse che la guerra fosse finita.
Il Re, il Governo, i supremi comandanti militari erano chiamati a risolvere, annunciato l’armistizio, tre problemi: la tutela, per quanto possibile, delle forze militari italiane disseminate tra vari scacchieri e il più delle volte inchiodate al luogo in cui si trovavano dalla mancanza cronica di mezzi di trasporto; la difesa di Roma; la salvaguardia della incolumità personale della famiglia reale e delle maggiori personalità. Nella gerarchia delle preoccupazioni la terza diventò, fin dal primo momento, preponderante. In Provenza e Corsica erano dislocati 230 mila uomini, in Jugoslavia 300 mila, altri 300 mila in Albania e Grecia, 53 mila nelle isole dell’Egeo. In tutto 900 mila uomini, moltissime baionette, ma una forza infinitamente inferiore al numero. Dei due milioni di soldati che erano minacciati dai tedeschi, ma che a loro volta li potevano minacciare, nessuno parve ricordarsi, a Roma, nelle ore che seguirono. L’appuntamento per tutti i pezzi grossi era stato fissato, in caso di emergenza, al Ministero della Guerra (Palazzo Baracchini) in via XX Settembre, predisposto a difesa con postazioni di armi automatiche. Lì si trasferirono immediatamente il Re, la Regina, il Principe Umberto, gli aiutanti di campo, un cameriere e una cameriera. Vennero sistemati nell’appartamento del ministro, con due corazzieri di sentinella alla porta. Di ritorno dall’Eiar, Badoglio consumò nello stesso edificio una cena frugale e poi se ne andò a letto, mentre il ministro della Stampa e Propaganda disponeva che i quotidiani dell’indomani pubblicassero il testo dell’armistizio listato a lutto, con frasi di omaggio ai Sovrani, e senza accenni polemici verso i tedeschi. L’ultimo ordine di Ambrosio prescrisse: “Ad atti di forza reagire con la forza”.
Nella notte del 9 settembre Roatta decise di svegliare tutti e di predisporre la fuga. Si fece sapere al Re che si doveva partire. Non ci volle molto per convincerlo anche se avanzò una blanda obbiezione “Sono vecchio, cosa volete che mi facciano?”. Ambrosio si offerse di rimanere, ma poi imitò gli altri. Chiese tuttavia un po’ di tempo per dare qualche disposizione, e a Badoglio suggerì: “Forse anche tu, maresciallo, devi dare qualche disposizione”. Badoglio rifletté un momento, poi sentenziò: “Nulla. Io parto”. Alle 5,10, quando si annunciavano appena all’orizzonte i primi chiarori dell’alba, il Re salì, insieme alla Regina, a Puntoni e al tenente colonnello De Buzzacarini, sulla sua Fiat 2800 grigioverde. Badoglio seguì insieme al duca Acquarone e al fido Valenzano, in una terza vettura era il Principe di Piemonte. Dopo di loro, a intervalli abbastanza regolari “come per un rally automobilistico” ha osservato qualcuno, si mossero gli altri generali. Due autoblindo facevano da scorta. Cammin facendo, essendoglisi guastata l’auto, Badoglio passò in quella di Umberto di Savoia che, vedendolo infreddolito, gli prestò il suo cappotto militare. Con gesto furtivo Badoglio rimboccò le maniche, perché non fossero visibili i gradi. L’appuntamento era, per gli eletti che si era deciso di ammettere nella grande fuga, all’aeroporto di Pescara. Il convoglio di testa proseguì regolarmente traversando l’Appennino abruzzese – a Campo Imperatore, non molto lontano, era prigioniero Mussolini, della cui sorte nessuno parve interessarsi – e giunse ad un bivio, a una quindicina di chilometri da Pescara, nelle cui vicinanze era il castello di Crecchio, appartenente ai duchi di Bovino, ben conosciuti dalla famiglia reale. Su suggerimento di Umberto, il Re e la Regina decisero di sostarvi, in attesa di avere più precise informazioni.
A quel punto Umberto di Savoia fu preso da scrupoli: “Credo sia meglio che io ritorni indietro” disse a Badoglio che, ritrovata l’energia, lo redarguì: “Lei porta le stellette. E’ un soldato e deve obbedienza a me”. Nel pomeriggio le auto del Re e del seguito raggiunsero l’aeroporto di Pescara. Da Zara era stata chiamata a Pescara la corvetta Baionetta, da Taranto l’incrociatore Scipione l’Africano e la corvetta Scimitarra. Ma la popolazione della città stava dimostrando, a quanto venne riferito, insofferenza verso la comitiva che scappava, e fu preferito il molo di Ortona a Mare. Là si sarebbero tutti ritrovati, venne deliberato, a mezzanotte.
I fuggiaschi si divisero in tre gruppi. Badoglio e De Courten nell’aeroporto di Pescara, Ambrosio e Roatta a Chieti, i reali ancora nel castello di Crecchio. Badoglio preferì, non si sa mai, imbarcarsi a Pescara, dove la Baionetta aveva sostato. L’imbarco di Ortona a Mare doveva essere un segreto riservato a pochi. Ma radio-generale aveva funzionato, e il Re, che credeva di andarsene quasi in solitudine, e in un certo ordine, arrivò su una banchina gremita di individui agitati, parte in borghese, parte in divisa. “Cosa succede?” domandò seccato.
Puntoni si informò e apprese che una larga rappresentanza dello Stato Maggiore, 250 alti ufficiali con attendenti, familiari, carabattole, si erano precipitati all’appuntamento per seguire il governo, e arraffare altri onori, altre promozioni, altri nastrini, altre prebende, a ricompensa della sconfitta e della defezione. Roatta, in borghese con un fucile mitragliatore in spalla, pontificava, e Vittorio Emanuele III lo guardò scuotendo la testa. Assente fu invece in un primo momento la popolazione perché era stato dato, allo scopo di tenerla rintanata, l’allarme aereo, ma poi i curiosi cominciarono ad accorrere. Il Re era in ansia perché non vedeva Badoglio, e apparve molto stupito quando, rotti gli indugi e preso posto sulla bettolina dalla quale passò alla corvetta Baionetta – Umberto aveva dovuto gridare, per aprirsi un varco nella calca: “Siamo della famiglia reale” – scorse il maresciallo già a bordo. “Non più di trenta persone” urlava, e procedette personalmente alla selezione degli aspiranti alla partenza, sostituito poco dopo, in quell’incarico di portineria, da De Courten. Roatta riuscì a far ammettere il suo fido Zanussi, e Ambrosio il suo fido Marchesi, tra battibecchi umilianti.
Gli eletti furono in tutto 57, agli altri che rimasero a terra imprecando e mostrando i pugni – alcuni nella foga di squagliarsela erano saliti su una draga priva di equipaggio, che ovviamente non si mosse – fu promesso che sarebbe arrivata una seconda unità, a raccoglierli. La promessa, stranamente, fu mantenuta alle sette del mattino, allorché un’altra nave da guerra entrò nel porto. Ma i respinti si erano dispersi, e a testimonianza dell’unica vera battaglia che lo Stato Maggiore italiano abbia ingaggiato dopo l’8 settembre restavano solo fagotti e cartocci.

Se volete approfondire il giorno dell’Armistizio e la vergognosa condotta di Re, Governo e Stato Maggiore italiano dopo l’8 settembre 1943 potete farlo sfogliando le pagine del libro di Indro Montanelli Storia d’Italia – L’Italia del Novecento nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo, Seconda Guerra Mondiale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a 69 anni fa: l’8 settembre 1943, con il Proclama Badoglio, che fa seguito a quello del generale Dwight D. Eisenhower lanciato da Radio Algeri un’ora prima, viene reso pubblico l’armistizio di Cassibile firmato per l’Italia il 3 settembre dal generale Giuseppe Castellano a nome del Presidente del Consiglio maresciallo d’Italia Pietro Badoglio fedele al re Vittorio Emanuele III. Brindisi diviene sede del governo e quindi capitale del Regno d’Italia.

  1. Alessandro Procida ha detto:

    navigando sulla rete ho trovato questo articolo che riguarda il mio Paese, suggerisco un post che scrissi un anno fa sulle stesse vicende
    http://alessandroprocida.wordpress.com/2012/06/07/crecchio-capitale-ditalia-su-il-giornale/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...