193 anni fa: il 7 agosto 1819 Simón Bolívar trionfa contro gli spagnoli nella Battaglia di Boyacá

Simòn Bolìvar, nato a Caracas nel 1783, divide con José de San Martin il merito di aver liberato i Paesi dell’America Latina dalla dominazione spagnola: a entrambi toccò l’appellativo di “Libertador”.
Era figlio di grandi proprietari terrieri e ricevette una scrupolosa educazione. Perfezionò i suoi studi in Europa, poi, tornato in patria, fu il primo a dare l’esempio dell’emancipazione dei neri schiavi della sua famiglia. In Europa aveva seguito e ammirato l’epopea di Napoleone Bonaparte che ebbe una grande influenza su di lui. Scoppiata la guerra di indipendenza in Venezuela, fu mandato a Londra come ambasciatore (era il 1811) per chiedere all’Inghilterra soccorsi in favore degli insorti. L’Inghilterra dichiarò la sua neutralità, ma il Venezuela proclamò egualmente la sua indipendenza. L’anno seguente gli Spagnoli riconquistarono il Paese e Bolìvar dovette rifugiarsi a Cartagena, nella Nueva Granada, ancora in mano ai ribelli. Qui egli scrisse e pubblicò il Manifesto nel quale proponeva un’America Latina formata da grandi Stati repubblicani uniti in una forte federazione capace di dominare le forze eversive e disgregatrici. Bolìvar riuscì alla fine nel suo intento di liberare il Venezuela e nel 1824 anche il Perù, mentre l’Alto Perù si costituì in repubblica dandosi il nome di Bolivia in suo onore. Non riuscì però nel suo disegno grandioso di riunire in una confederazione tutte le nuove repubbliche dell’America meridionale spagnola. Le discordie e i conflitti fra i vari Stati e i maneggi degli Stati Uniti e dell’Inghilterra mandarono a vuoto quel disegno, di cui Bolìvar aveva tentato un principio di attuazione con il congresso di Panama (1826) per la formazione degli Stati Uniti del sud, con la Colombia, il Perù, la Bolivia, la Plata e il Cile; il congresso radunato da Bolìvar non era però approdato a nulla ed egli stesso era stato accusato di mire dittatoriali. Sfuggito per caso a un attentato, vedendo frustrati i suoi sforzi, si ritirò amareggiato a Cartagena. Lo Stato della “grande Colombia” intanto si smembrava: contro il governo autoritario di Bolìvar si erano ribellati dapprima il Perù e la Bolivia, poi si staccarono nel 1829 il Venezuela e nell’anno seguente l’Ecuador, cosicché quando Bolìvar morì, nel 1830, la confederazione era distrutta.

Se volete approfondire le imprese del “Libertador” Simòn Bolìvar potete farlo sfogliando il 10° volume de La Storia – Dalle grandi rivoluzioni alla restaurazione nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 19° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...