34 anni fa: il 9 maggio 1978 viene assassinato a Roma il politico e accademico italiano Aldo Moro

Moro, cui i sequestratori avevano annunciato che la sua condanna a morte era stata pronunciata, e che in mancanza di riscontri sarebbe stata eseguita, disconosceva la sua appartenenza al Partito di cui era presidente: “Non mi resta che constatare la mia completa incompatibilità con il Partito della Democrazia cristiana. Chiedo al Presidente della Camera di trasferirmi dal gruppo della Dc al gruppo misto”.
Il calvario stava per concludersi con il sacrificio. Il 9 maggio, mentre la direzione della Dc era riunita e Fanfani si apprestava a prendere la parola, il professor Franco Tritto, collaboratore di Moro e frequentatore della famiglia, ricevette una telefonata di cui esiste la registrazione. “Adempiamo alle ultime volontà del Presidente comunicando alla famiglia dove potrà trovare il corpo dell’on. Aldo Moro. Mi sente?” “Che devo fare? Se può ripetere.” “Non posso ripetere, guardi. Allora, lei deve comunicare alla famiglia che troveranno il corpo dell’on. Aldo Moro in via Caetani. Lì c’è una Renault 4 rossa. Il primo numero di targa è il 5.” Via Caetani si trova a brevissima distanza da piazza del Gesù e dalle Botteghe Oscure. Un’ennesima sfida e un ennesimo sberleffo brigatista alle forze dell’ordine che pattugliavano freneticamente Roma. Il cadavere giaceva nel bagagliaio della vettura. Fu accertato dai medici legali che l’uccisione era avvenuta la mattina stessa di quel 9 maggio. Cossiga si dimise da ministro dell’Interno, la famiglia Moro ripudiò ogni celebrazione ufficiale.
Se il mondo politico italiano s’era diviso tra fermezza e trattativa, anche al vertice delle Brigate rosse la tesi umanitaria (liberazione di Moro) e la tesi sanguinaria (condanna a morte) erano state dibattute. L’ha ammesso Mario Moretti, che di Moro fu l’inquisitore durante il lungo sequestro. Mario Moretti ha detto: “Credo che non ci fu mai scelta più dura nelle Brigate rosse, ma non ce ne fu nemmeno un’altra credo così quasi unanime. C’erano dei compagni che non erano d’accordo, ma non si può parlare neanche di maggioranza o minoranza perché praticamente quasi l’intera organizzazione si pronunciò a quel modo perché, politicamente, era una scelta che a quel punto diventava obbligata”. Valerio Morucci e Adriana Faranda erano contro l’assassinio, e lo ripeterono a Moretti ancora il 3 maggio. Ma non convinsero i “compagni”.
Così fu decisa la morte. La mattina del giorno fatale Prospero Gallinari e Anna Laura Braghetti svegliarono Moro e gli annunciarono che sarebbe stato liberato, inducendolo a distendersi nel bagagliaio della Renault. Lo fulminò invece la raffica d’una mitraglietta cecoslovacca Skorpion.

Se volete approfondire l’episodio più drammatico degli anni di piombo potete farlo sfogliando il libro di Indro Montanelli e Mario Cervi – Storia d’Italia – L’Italia del Novecento nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...