65 anni fa: il 1° maggio 1947 nella strage di Portella della Ginestra vengono assassinate 11 persone (2 bambini e 9 adulti) e 27 sono ferite

Salvatore Giuliano e la strage di Portella della Ginestra

Datosi alla macchia nel 1943 dopo aver ucciso un carabiniere, Salvatore Giuliano (1922-1950) organizzò nella zona di Montelepre una banda, costituita da un gruppo di suoi compaesani fatti evadere dal carcere di Monreale.

Nel clima di disordine politico e civile dell’immediato dopoguerra, riuscì ad estendere l’attività della sua banda a gran parte della Sicilia occidentale, potendo contare su una vasta rete di complicità e di omertà. Raggiunse la notorietà come ufficiale dell’Esercito volontari per l’indipendenza siciliana (EVIS), il braccio armato del movimento separatista (MIS). La vicenda del bandito Giuliano è emblematica nel mostrare quelle ambigue connessioni tra ambienti criminali e settori delle istituzioni che saranno al centro di molti altri episodi oscuri della storia italiana. Essa rivela inoltre come nella competizione politica abbia trovato legittimazione anche l’uso spregiudicato della violenza. Il nome di Giuliano è associato alla strage di Portella della Ginestra, presso Piana degli Albanesi, dove il primo maggio 1947 la sua banda attaccò i dimostranti che celebravano la festa del lavoro, uccidendo 11 persone e ferendone 33. Giuliano fu utilizzato in funzione conservatrice e anticomunista (le sinistre avevano da poco ottenuto una buona affermazione alle elezioni regionali) da uomini politici democristiani e monarchici, i cui interessi risultavano peraltro complementari a quelli dei gruppi mafiosi. Alcuni documenti desecretati di recente hanno inoltre provato il coinvolgimento, nell’operazione Portella, dell’americano Office Strategic Services (OSS, la futura CIA).
Dopo una lunga latitanza, durante la quale aveva in realtà goduto di una grande libertà di movimento, Giuliano fu ucciso il 5 luglio 1950 dal suo luogotenente Gaspare Pisciotta, con la complicità dei vertici delle “Forze repressione banditismo”. Il processo che seguì, svoltosi a Viterbo, non chiarì la vicenda; Pisciotta fu condannato all’ergastolo ma, quando probabilmente stava per svelare la verità sui mandanti della strage di Portella, fu ucciso nel carcere palermitano dell’Ucciardone, avvelenato da un caffé alla stricnina. La strage di Portella sembra insomma configurarsi come la prima strage di Stato della storia italiana.

Se volete approfondire una delle pagine più oscure della storia del nostro Paese potete farlo sfogliando le pagine del 21° volume de La Storia d’Italia – La seconda guerra mondiale e il dopoguerra nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 20° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...