520 anni fa: l’8 aprile 1492 muore Lorenzo il Magnifico, mecenate della dinastia dei Medici

Tra il 1469 e il 1492, gli anni in cui Lorenzo de’ Medici governa la città, Firenze vive una stagione artistica eccezionalmente felice, grazie all’attività degli scultori-pittori Andrea del Verrocchio e Antonio del Pollaiolo e a quella di un gran numero di pittori, da Botticelli a Leonardo. […] E’ soprattutto ad un dipinto di Botticelli che è legata, nell’immaginario collettivo, quella stagione culturale e la figura stessa del Magnifico. Si tratta della Primavera, un’opera generalmente datata al 1478 circa, e sul cui significato la critica non cessa di interrogarsi. La Primavera occupa un posto eccezionale nella storia della pittura occidentale: si tratta infatti del primo importante dipinto di grandi dimensioni che raffigura un soggetto mitologico-allegorico non basato, sembra, su una fonte testuale antica. Sebbene, cioè, tutte le figure siano facilmente identificabili (da destra, nell’ordine, il vento Zefiro, che insegue la ninfa Cloris, e probabilmente Flora, la donna che sparge fiori; al centro Venere, e poi il gruppo delle tre Grazie e Mercurio; in alto, in volo, è Cupido), queste non prendono parte a un’azione riconducibile a un preciso episodio mitologico. Due sono i filoni in cui è possibile raggruppare le numerose ipotesi interpretative che sono state avanzate negli anni. Da una parte c’è chi crede che il dipinto debba essere letto in chiave neoplatonica, e cioè in relazione agli scritti di Marsilio Ficino e di Pico della Mirandola (1463-1494), figure chiave dell’Accademia che si riuniva nella villa di Lorenzo il Magnifico a Careggi. Il valore civilizzatore della bellezza, rappresentato da Venere, cui l’anima deve aspirare per distaccarsi dai piaceri terreni, sarebbe quindi il significato ultimo del dipinto. Dall’altra parte c’è chi giudica queste letture delle sovrainterpretazioni, e invita ad un sano scetticismo. Il dipinto, ad esempio, potrebbe più semplicemente raffigurare i tre mesi della Primavera: da destra marzo, il mese dei venti freddi (il gruppo Zefiro-Cloris-Flora), poi aprile, a cui da sempre è associata Venere, e infine maggio, con Mercurio (figlio di Maia, da cui derivava il nome stesso del mese) che disperde con il caduceo le nuvole.

Se volete approfondire la vita di Lorenzo il Magnifico e dei tanti artisti che lavorarono per lui potete continuare a leggere gli ultimi 3 volumi dell’enciclopedia Il Medioevo nella biblioteca dell’Antica Frontiera.

Se invece volete restare abbagliati dalla bellezza della Primavera di Botticelli potete raggiungere gli Uffizi, che sono a poco più di un’ora di auto dal b&b: sarà un’esperienza indimenticabile!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in 15° secolo e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...